ESCLUSIVA ICF – San Marino, Di Luzio: “Vi racconto la mia storia, dall’oratorio al sogno Serie A”

“Trovo che la mia passione per il calcio sia innata, nessuno in famiglia è un appassionato” Così Greta Di Luzio, attaccante della San Marino Academy si racconta ai nostri microfoni in esclusiva. “All’inizio i miei genitori non vedevano di buon occhio questo sport, per l’ambiente che c’è intorno e per il fatto che ero una bambina: era insolito vedere una femmina giocare a calcio, per questo giocavo sempre con i maschi all’oratorio o al parco.”

milan ladies – successi

Dopo una lunga serie di partite con gli amichetti e di tentativi “sono riuscita a convincere i miei ad iscrivermi a calcio: la mia vera e propria esperienza calcistica comincia con le Milan Ladies, squadra femminile con cui ho giocato dai 10 ai 20 anni, fino a questo giugno.” Un periodo da ricordare, fatto di tanti successi e bei momenti: “Con le rossonere sono cresciuta tantissimo! Partita dal calcio a 7, sono passata presto in prima squadra, con la quale ho esordito a soli 15 anni: ero emozionatissima. Da quel momento ho cominciato il mio percorso in Serie B, del quale ricordo con grande piacere il passaggio dalla Serie B regionale a quella nazionale, mantenendo la categoria. L’abbiamo vissuta come una promozione.”

milan ladies – vincere ma fallire

Come tutte le cose belle, anche il sogno delle Milan Ladies si è, purtoppo, spento: “A giugno abbiamo vinto i play-out grazie alla grande forza del bel gruppo che si era creato e siamo riuscite a salvarci, ma a causa del caos societario abbiamo dovuto far fronte al fallimento. Putroppo quella partita non l’ho giocata: peccato (!), dopo dieci anni nello stesso club ero di fronte alla sfida più importante, ma sono stata costretta a vederla dalla panchina”.

san marino – la filosofia del lavoro

Dopo il fallimento del sodalizio meneghino, Greta ha scelto la San Marino Academy, con cui al momento si trova inaspettatamente prima in Serie B: “Ho preso questa scelta per l’interesse che hanno provato nei miei confronti, per il modo gentile con cui si sono presentati e per l’ambizione di questo progetto: mi sono piaciute molto le strutture, l’organizzazione, lo staff e la filosofia di pensiero. Sapevo che qui mi sarei trovata bene.” A proposito della filosofia, qualche settimana fa abbiamo intervistato l’allenatore di questo grande gruppo, Alain Conte, che ci ha spiegato il segreto di questa squadra, ovvero il lavoro: “Il mister ci chiede sempre umiltà, sacrificio e concretezza e fonda il suo modus-operandi sul motto ‘la fatica batte il talento, a sottolineare l’importanza del sacrificio nello sport. In allenamento lavoriamo su vari fronti, senza che uno prevalga su un altro. Qui a San Marino c’è una grande professionalità e ciò passa soprattutto dalla gestione precisa e organizzata dell’atleta.”

San Marino – dalla panchina ai gol

Ed è proprio sull’impegno che si basa la storia della Di Luzio tra le Titane: “Mi sono trasferita qui ad agosto ed ho conosciuto l’ambiente durante la preparazione atletica. All’inizio ho trovato poco spazio in campo e per questo ero un po’ giù di morale: ho dovuto sudare per scalare le gerarchie, farmi conoscere dal mister e guadagnarmi un posto da titolare. Non ho mollato, mi sono impegnata e ho sono stata rivalutata a livello di minutaggio; partita dopo partita sento di migliorare sempre di più. Ho segnato la mia prima rete qui nel match contro il Perugia, vinto con parecchi gol di scarto, ed ho proseguito il mio cammino con vari gol, tra cui la doppietta nell’8-1 alla Novese e il gol decisivo di settimana scorsa contro la Roma, in una partita tesa, in bilico fino agli ultimi minuti, che ci ha consentito di prenderci la vetta della classifica.

san marino – sogno serie a

Partite con l’idea di salvarsi, ora la vetta è raggiunta e la Serie A diventa un sogno non così irrealizzabile: “Restiamo con i piedi per terra e pensiamo partita per partita, è così che ci piace ragionare per continuare a fare bene senza troppe pressioni. Sicuramente, senza farci prendere troppo da entusiasmo e frenesia, ognuna di noi in questo momento sa che questa categoria può diventare qualcosa in più. Il potenziale c’è, non bisogna distruggere quando di buono fatto fino ad ora e per questo la palla passa a noi: tutto dipenderà dal nostro lavoro e dal nostro sacrificio.”

essere una calciatrice

I sogni si avverano se ci si crede davvero, guardare per credere: “Essere una calciatrice per me significa molto: è sempre stata la mia massima ambizione, sin da bambina. Basti pensare che per il calcio ho lasciato la mia famiglia, i miei amici e l’università e mi sono trasferita qui ad oltre 300 kilometri da casa: è questa la mia più grande passione e cercherò di portarla avanti per più tempo possibile e al meglio della condizione. Essere una calciatrice vuol dire aver avverato il mio sogno!”

ai genitori

“Comprendo le preoccupazioni dei genitori scettici nell’iscrivere le figlie a calcio, anche i miei inizialmente lo erano. Però a loro dico che il calcio femminile è uno sport come tutti gli altri, non c’è una distinzione di sesso se non siamo noi stessi a crearla. Non siamo inferiori rispetto ai colleghi uomini. In Italia lo sviluppo del movimento è un po’ indietro rispetto ad altri paesi e questo può essere un altro motivo di preoccupazione per i genitori, ma negli ultimi anni ci stiamo mobilitando per colmare, con il tempo, queste disparità. Penso che la cosa più bella per un genitore sia vedere i propri figli felici e, se una bambina è resa felice dal calcio, non vedo perchè non possa seguire la propria passione”.

di Luca Bendoni

Grafica di Isabella Lamberti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...