Virus: il Telegraph tuona, Sara Gama lancia l’appello, la Fifa investe: il punto

La pandemia Covid-19 sta avendo effetti anche sul calcio femminile. Molte società sono in difficoltà economica e rischiano di sparire. Il grido d’allarme rimbomba in tutto il mondo. Il Telegraph, giornale inglese, denuncia: “Se il calcio pensa di salvare solo gli uomini e non anche le donne, allora non si salva”. Anche in Italia la situazione è preoccupante. Ad oggi non si conoscono le sorti della serie A femminile: i club non sanno se il campionato ripartirà o se verrà sospeso definitivamente. L’incertezza la fa da padrona. Da sciogliere i nodi sull’applicabilità dei protocolli sanitari e sulla disponibilità di contributi da parte della Figc. Nei prossimi giorni ci sarà un confronto tra i 12 club iscritti al campionato.

L’APPELLO DEL CAPITANO

Sara Gama, capitano della Nazionale, intervistata dall’Ansa dichiara: “Ci aspettiamo le stesse tutele sanitarie dei nostri colleghi uomini. Deve essere redatto un protocollo ad hoc perché quello dei dilettanti per noi non va bene per riprendere. Attendiamo anche le risorse per tornare ad allenarci e vivere da professioniste quali siamo”. E questo perché “le calciatrici oggi sono consapevoli di essere professioniste a tutti gli effetti e quindi si aspettano un riconoscimento ufficiale del loro status”. Nel panorama dilettantistico italiano, la serie A femminile è l’unica competizione che non è stata dichiarata chiusa, rimanendo in sospeso con ancora 37 partite da giocare (6 giornate totali). “Quello che conta è il salto di qualità – sottolinea Gama – “bisogna approdare al professionismo. Siamo a un bivio, ma nei momenti di crisi ci sono anche grandi possibilità, si può riformare“.

Nel mondo l’attenzione per il settore femminile resta alta. La Fifa ha messo in conto di spendere un miliardo di dollari fino al 2022 in programmi di sviluppo e proprio oggi ha annunciato una collaborazione col sindacato mondiale (Fifpro) per accelerare la crescita del calcio femminile professionistico e mitigare l’impatto della pandemia di coronavirus.

di Andrea Caucci Molara

Photo credit: VI Images/ GettyImages

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...