SERIE A | Inter – San Marino Academy: 2 a 0, dal 45′ esistono solo le nerazzurre

Importantissima, quasi più per il morale che per la classifica di Campionato, la partita di oggi allo Stadio Suning YDC in memoria di Giacinto Facchetti di Milano.

Se da un lato l’Inter vuole dimostrare di giocarsi questo Campionato a pieno titolo, dall’altro le ragazze di Conte vorrebbero staccarsi dalla zona retrocessioni o, almeno, far dimenticare la fila di insuccessi collezionata dal loro arrivo in Serie A.

Sono le nerazzurre ad avere la meglio, battendo avversarie più ostiche del previsto, ma che nell’arco del secondo tempo mettono a nudo troppe carenze e altrettanti difetti di gioco.

PRIMO TEMPO

Fin dall’avvio del match appare ovvio come la San Marino Academy non sia più quella di inizio Campionato, disposta a perdere 10 a 0: le ospiti, infatti, partono aggressive, dimostrando in poche azioni di avere testa e cuore sufficienti a tenere a bada l’Inter, se non, addirittura, a metterla in difficoltà.

Di contro le padrone di casa, all’inizio, appaiono confuse, e si complicano inutilmente la vita in troppe occasioni.

Lo scossone arriva al 5′ minuto quando Barbieri regala il primo vero brivido della partita, facendosi pescare, però, in fuorigioco.

Sempre Barbieri, all’11’ trova una clamorosa traversa dopo aver fatto suo un pallone che la difesa interista – concentrata nel cercare di far scattare la trappola del fuorigioco – aveva completamente perso di vista.

Buona occasione al 22′ per le ragazze di Attilio Sorbi, che dopo un fallo di Baldini su Merlo conquistano una punizione interessante. Batte Simonetti, ma dopo una gran confusione in area, la San Marino Academy sguscia via e imbastisce addirittura un contropiede. L’azione, però, si spegne dopo la cavalcata solitaria di Chandarana , a cui Marchitelli nega la rete intercettando ben prima dell’area piccola.

Momenti di panico per le ospiti al 25′ quando Marinelli mette in rete, salvo poi vedersi annullare il goal per fuorigioco. Un minuto dopo Simonetti scivola in area su un passaggio chirurgico di Moller, che aveva ubriacato la difesa con un ipnotico dribbling.

Dopo alcune punizioni a favore dell’Inter sprecate – di cui una colpisce in pieno volto Baldini costringendola a uscire sanguinante per qualche secondo dal campo – Simonetti al 43′ stampa un tiro potentissimo sulla traversa, riecheggiando quasi quello delle avversarie.

La svolta arriva al 45’+1 quando su bellissima sponda di Tarenzi, Catelli tocca la palla e la insacca, portando l’Inter in vantaggio.

SECONDO TEMPO

Il goal subito in chiusura del primo tempo ha traumatizzato la formazione di Conte, che comincia subendo il ritmo più serrato dell’Inter.

Al 55′ Marinelli manca di poco una grande occasione, murata in angolo, e appena un minuto dopo, su sviluppi del corner, Merlo sfiora la rete di pochi centimetri.

Al 57′ arriva Tarenzi a portare le nerazzurre al raddoppio: dopo un roboante capovolgimento di fronte, l’asse con Bartonova la porta a insaccare con precisione, spiazzando Ciccioli.

È proprio Ciccioli ad arginare il disastro al 64′ quando Moller, dopo un’azione personale incredibile, tenta il tiro, ma viene frenata.

Un po’ questa doccia fredda e un po’ l’ingresso di Vecchione sembra ridare lustro alla San Marino Accademy, che prova a risalire. Al 67′ è proprio la nuova entrata a sfilare tra le nerazzurre, trovando uno spiraglio per il tiro, che però non ha sufficiente angolazione, e finisce tra le braccia di Marchitelli.

È anche Vecchione a trascinare la San Marino Academy all’85’, e ancora una volta è Marchitelli a mortificare il suo guizzo. Anzi, da quella parata nasce un contropiede fulmineo, che porta Pavan sotto la rete delle ospiti. Ciccioli chiude e rilancia la sua squadra, con Barbieri che punta alla porta avversaria, non imprimendo sufficiente forza al proprio tiro.

Brividi finali, in pieno recupero, con una chance per parte. Al primo minuto di recupero Di Luzio, entrata da poco, trova la porta praticamente sguarnita, ma non riesce a concretizzare.

Un minuto dopo, sull’altro fronte, è Bartonova, su assist di Tarenzi, a far paura, ma non trova lo specchio, vanificando quella che si dimostra l’ultima azione da goal.

POST PARTITA

Una prova eccellente per la San Marino Academy nella prima mezz’ora, e una partita da dimenticare per il resto del tempo. L’Inter si ritrova solo dopo il primo goal, ma si fa perdonare ampiamente grazie ai suoi ritmi sempre più serrati e alla tenacia con cui porta a casa il risultato.

Molto su cui meditare, comunque, per entrambi gli allenatori. Interessante l’attitudine di Barbieri, che, quasi da sola, ha trascinato la sua squadra per trenta minuti buoni.

di Rebecca Valverde

Photo Credit: http://www.inter.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...